Quali sono i requisiti per poter usufruire delle agevolazioni sulla prima casa

Buongiorno a tutti,
oggi parliamo dei requisiti per poter usufruire delle agevolazioni prima casa, non parleremo delle imposte prima casa su cui abbiamo già fatto un video, ma parleremo proprio dei requisiti per poter ottenere questa agevolazione, cioè questa riduzione di imposte.
Inanzittutto abbiamo due tipi di requisiti: quello oggettivo e quello soggettivo.

Il requisito oggettivo riguarda l’immobile che andremo ad acquistare, l’immobile infatti deve appartenere alla categoria catastale A, esclusi A/1, A/8, A/9 e A/10, tutte le altre possono rientrare nella categoria prima casa. I secondi invece sono i requisiti soggettivi, cioè i requisiti che deve possedere il soggetto che va a richiedere le agevolazioni prima casa.

Il primo requisito è non avere un’altra abitazione nel comune dove andiamo ad acquistare la nostra prima casa.

Il secondo requisito è non avere un’altra abitazione su tutto il resto del territorio nazionale acquistata o acquisita con analoghe agevolazioni, cioè con la prima casa.

Il terzo requisito è la residenza: nel momento in cui vado ad acquistare la prima casa o nel momento in cui otterrò il decreto di trasferimento in caso di acquisto all’asta per cui ho richiesto l’agevolazione prima casa dovrò portare la residenza nel comune dove è situata la prima casa entro diciotto mesi dal decreto di trasferimento oppure all’atto di acquisto.

Successivamente dovrò impegnarmi per 5 anni a non rivendere la mia prima casa, o meglio posso rivenderla nei primi 5 anni con l’impegno di acquistare un’altra prima casa entro 5 anni.

Di recente inoltre questa normativa è stata ampliata quindi anche le possibilità appunto di acquistare per esempio una prima casa nel momento in cui ne ho già una a patto che io venda la mia prima casa dopo un anno.

Vi faccio un esempio: io ho una prima casa, un appartamento, acquistato come prima casa e voglio comprare una casa a schiera in quanto voglio ampliarmi, ma non riesco a vendere l’appartamento prima di comprare la mia casa a schiera quindi posso acquistare la mia casa a schiera come prima casa con le agevolazioni prima casa però mi devo impegnare a vendere l’appartamento attuale entro un anno dell’acquisto di questa casa a schiera.

In questo caso quando io acquisto una prima casa quando ho già acquistato in passato una prima casa potrò usufruire del cosidetto credito di imposta.

Vi faccio un esempio pratico: dieci anni fa ho acquistato un immobile, ho pagato un’imposta di registro pari a 3.000 euro ad esempio e nel momento in cui io acquisto un’altra prima casa il notaio farà il conteggio delle imposte di registro, dell’iva, e mettiamo che è superiore a quella pagata nel primo acquisto, ad esempio 4.000 euro, si potrà usufruire del credito di imposta cioè vuol dire che non pagherò più in caso di imposta di registro questi 4.000 euro, ma pagherò solamente la differenza tra l’imposta di registro del primo acquisto e l’imposta di registro che devo pagare adesso, cioè in questo caso 4.000 euro meno 3.000 euro, pagherò quindi solo 1.000 euro.
Dovrò chiaramente fornire al notaio l’atto di compravendita da cui si va ad evincere quante imposte di registro ho pagato precedentemente.
Nel caso invece di IVA, quindi facciamo un esempio che questi 4.000 euro non li debba mettere come imposta di registro, ma li debba come IVA, cioè il 4 % perchè la casa l’ho acquisita da un costruttore, oppure ho pagato l’IVA da una società in fallimento in caso di asta, a quel punto dovrò versare tutti i 4.000 euro di IVA, ma potrò detrarmi l’imposta di registro pagata precedentemente, cioè quei famosi 3.000 euro del nostro esempio, potrò detrarmela dalla successiva dichiarazione dei redditi.

Spero che sia stato un po’ chiaro il video anche se un po’ ingarbugliato e seguite la pagina, mettete like per i prossimi video.
Ciao.