Quali sono le imposte che andrai a pagare se rivendi una casa?

Buongiorno a tutti,
oggi parleremo delle imposte sulle plusvalenze immobiliari, cioè quando io compro una casa, che sia all’asta o che sia anche in una compravendita normale, e la rivendo ricavando un profitto.

Parliamo delle situazioni delle imposte che vanno a pagare, che vanno a corrispondere, i privati, cioè non chi esercita questa attività quindi la compravendita immobiliare come esercizio di impresa, ma per i privati che intendono fare questo tipo di operazione saltuariamente o semplicemente per chi ha comprato la casa e poi si trova a rivenderla.

Ripeto: per chi l’ha comprata all’asta oppure per chi l’ha comprata normalmente perchè funziona alla stessa identica maniera.

Abbiamo diversi casi; Partiamo dal primo, compro la casa come prima casa (va detto innanziutto che per le agevolazioni prima casa poi faremo anche un video appunto dove spiegheremo bene queste agevolazioni che valgono sia per l’asta che per le compravendite normali) e deve portare, una volta acquisito l’immobile, la residenza nel paese dove si trova la casa entro massimo 18 mesi dall’acquisto.

A quel punto rivendo la casa, dopo un certo periodo di tempo decido di rivendere la casa e realizzo una plusvalenza, cioè realizzo un profitto da questa casa.

Quali sono le imposte che andrò a pagare?

Per la prima casa ci differenziamo: se la vendo entro 5 anni non pagherò imposte se la mia residenza è in quella casa, in quel paese, per più del 50 percento del tempo intercorso tra l’acquisto e la rivendita.

Facciamo un esempio pratico: se io ho acquistato la casa e dopo due anni la rivendo, se per un anno e qualche giorno ho avuto la residenza dentro quella casa non andrò a pagare imposte sulla plusvalenza.

In caso contrario, se per meno del 50 percento del tempo ho avuto la residenza allora pagherò un’imposta, che si dice imposta sostitutiva che è del 20 percento su quello che è il guadagno, l’utile che ho realizzato.

Passiamo poi alla seconda casa: nel momento in cui io compro una seconda casa, pagherò sempre il 20 percento di imposta sostitutiva sul guadagno che vado a realizzare, sempre che non siano passati 5 anni perchè se un privato acquisisce un immobile o un terreno agricolo, passati 5 anni dall’acquisto, non sono più dovute imposte sulle plusvalenze in caso di rivendita.